TRENTINO ONLINE

 Clicca sulla località prescelta   Clicca sulla località prescelta
 Clicca sulla località prescelta
 Clicca sulla località prescelta   Clicca sulla località prescelta
 Clicca sulla località prescelta

 Info - Deutsch Version - English Version - - - - Bollettino Meteo Trentino



.... E allora prendiamo la moto e via! La strada che si srotola davanti e sotto e dietro di noi. Il vento che corrobora, rinfresca, asciuga, ci spinge e che, dopo la curva, ci soffia addosso rallentando la nostra corsa. Sei subito "dentro" quel panorama da cartolina illustrata, sei "personaggio"... cavaliere medievale, poeta meccanico di strada, bambino felice, capitano della tua "nave del deserto"... sei parte di quel panorama. Perché andare in moto è conquista della libertà. E' andare là dove altri non possono ... non hanno il mezzo, non hanno il coraggio, non ci hanno mai pensato ... Perché andare in moto è uno stile di vita che ti rimane appiccicato addosso anche quando non sei vestito con la tuta e non porti il casco. La moto già di per sé ri-creazione: andare - da soli o in compagnia - alla ricerca di mondi nuovi per scoprirli dal di dentro, conquistandoti curva dopo curva, bivio dopo bivio. Tappa dopo tappa la consolazione ... e la gioia e lo stupore ... dell'arrivo. Alla tua moto parli: è una casa animata, è un accumulo di ferro, plastica e gomma che divide con te la fatica e la meraviglia del viaggio. Alla tua moto dedichi molto tempo ... qualcuno dice troppo ... : ma dev'essere così. Perché il rituale della pulizia, la lubrificazione della catena di trasmissione, il controllo della pressione delle gomme, del livello dell'olio, dell'acqua in batteria, delle cinghie che reggono il bagaglio non sono solo atti dovuti alla sicurezza, ma attimi di piacere ai quali non si rinuncia. Sono gli stessi gesti, ripetitivi e studiati, del pescatore che arma la lenza, del marinaio che si appresta a salpare: la moto è ferma ma in realtà siamo già in viaggio!

"La vera motocicletta a cui state lavorando è una moto che si chiama voi stessi."
(Robert M. Pirsing)

Per andare dove? L'esperto motociclista che in realtà è anche un esperto navigatore, conoscitore di mappe e cartina stradali, di percorsi alternativi ... un vero e proprio tourist-man sa cosa chiedere alla sua vacanza. Strade pulite, regolari, possibilmente poco trafficate. Angoli di paesaggio in cui non ti senti fuori luogo, che sembrano fatti per te: boschi e prati che corrono lungo i cigli dell'asfalto, una fontana per dissetarsi, un luogo per riposare, una montagna da scalare, lenti e armonici, tornante dopo tornante.

"Le strade con poco traffico sono più gradevoli, oltre che più sicure, e anche quelle senza autogrill e cartelloni, strade dove boschetti e pascoli e frutteti si possono quasi toccare, dove i bambini ti fanno ciao con la mano e la gente guarda dalla veranda per vedere chi arriva; quando ti fermi per chiedere informazioni la risposta tende ad essere più lunga del dovuto invece che più corta, e tutti ti domandano da dove vieni e da quanto tempo sei in viaggio."
(Robert M. Pirsing)

Non esiste una terra, una nazione, una regione "ideale", per i motociclisti, perché in realtà è la moto ad accettare e a fare sua ogni terra, ogni nazione, ogni regione. Esiste, però, la libertà di scegliere una particolare regione perché più ospitale, perché li vive e lavora gente più sensibile ai tuoi particolari bisogni di "cavaliere della strada". Solo i motociclisti sanno che cosa significhi, dopo una giornata di viaggio, fermarsi in una pensione, in un albergo, in un campeggio e lì sentirsi accolti come ospiti di riguardo. Il mal di schiena e di fondoschiena, le mani doloranti, il freddo e l'umidità di una pioggia recente svaniscono di fronte ad un sorriso, alla sicurezza che la tua moto sarà ben custodita; trovare gente che parla il tuo stesso linguaggio, che ha i tuoi stessi progetti di libertà, che ti sa indicare l'officina più vicina ... e se solo c'è la possibilità, ti dà gli attrezzi giusti, si sporca le mani con te per pulire il carburatore. Vacanze in moto: libere e diverse. E' un'occasione doppia che in Trentino non puoi perdere.

"... subito prima dell'alba e subito dopo il tramonto - brevi istanti né giorno né notte - le vecchie strade restituiscono al cielo un poco del suo colore, assumendo a loro volta un'arcana tonalità blu. E' l'ora in cui le strade blu hanno un fascino intenso, e sono aperte, invitanti enigmatiche: uno spazio dove l'uomo può perdersi."
(William Leas Heat-Moon, "Strade blu")

Le strutture ricettive presenti nelle sottoelencate Aree sono sensibili alle particolari esigenze del mototurista. Si tratta, in pratica, di strutture alberghiere e di ospitalità in grado di fornire agli ospiti motociclisti particolari servizi:

il ricovero della moto in garage privato

l'esposizione all'interno del garnì di materiale turistico e di una cartina geografica del Trentino

la presenza e la disponibilità del fax e del servizio Internet (a pagamento)

la disponibilità di personale in grado di fornire informazioni turistiche (descrizione dei luoghi, localizzazione dei servizi di base utili all'ospite e informazioni sullo stato della viabilità, sulla situazione metereologica, sull'assistenza al mezzo, sui servizi alla persona e alla moto)

la possibilità di prenotare per telefono o via Internet l'albergo, la pensione o il campeggio per la tappa successiva

 

Alta Valsugana, Levico e Caldonazzo
Alto Garda e le sue Valli
Altipiani di Folgaria, Lavarone e Luserna
Valli Giudicarie e Terme di Comano
Altopiano della Paganella
Altopiano di Pinè e Val di Cembra
Valli del Primiero e Vanoi

 

E' gente "amica della moto", insomma, che sa parlare ai motociclisti, che capisce come le vacanze in moto siano "diverse" da altri tipi di vacanze e in quanto tali hanno bisogno di una ospitalità familiare. Le strutture turistiche amiche saranno orgogliose di mostrare agli amici motociclisti "che vengon da fuori" gli angoli più belli del Trentino.

Tanti itinerari non per "imbrigliare" la vostra voglia di libertà, ma per non farvi perdere l'occasione di gustare gli scorci panoramici più avvincenti, le valli più solitarie, i villaggi più antichi e fermi nel tempo. E quando, al mattino calzato il casco, monterete in sella pronti a ripartire, l'arrivederci del gestore non avrà il sapore della parola di rito: sarà veramente l'augurio di vedervi ritornare a bordo della vostra scintillante due-ruote.

VACANZE IN MOTO

Copyrigh© 1998-2006 - MOTOTURISMO.INFO - Tutti i diritti riservati
La riproduzione anche parziale di questo progetto deve essere autorizzata
Powered by eTrentino